Archivio della categoria: Post

La posizione del Movimento dei Cittadini sulle linee programmatiche del sindaco

https://www.facebook.com/brumanaconicittadini/videos/152508709633381

Per conoscere il Movimento dei Cittadini

Il sito internet per conoscere il Movimento dei Cittadini

https://www.ilmovimentodeicittadini.it/

Il sito di Franco Brumana sindaco

E’ online il sito del candidato sindaco Franco Brumana
https://www.brumanasindaco.it/

Primarie: online il sito del candidato Franco Brumana

E’ online il nuovo sito di Franco Brumana, candidato alle elezioni primarie di Legnano del 26 gennaio 2020

Elezioni primarie Legnano – 26 gennaio 2020

Domenica 26 gennaio 2020 a Legnano si vota per scegliere il candidato sindaco civico.

Possono votare tutti i residenti a Legnano maggiorenni, recandosi in un seggio (muniti di carta d’identità) domenica 26 gennaio 2020 dalle 9,00 alle 19,00:
– nell’Oltrestazione: Studio medico via Venegoni 54 ang. via Marco Polo
– in Centro: presso Gallerie Cantoni
– nell’Oltresempione: Bar Resegone via Resegone 68 ang. via Zaroli

Votiamo per Franco BRUMANA!

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/IO-STO-CON-Brumana-105628567574996/

Primarie 26 gennaio 2020: i vincitori saranno i legnanesi

Il 26 gennaio 2020, per la prima volta, i legnanesi potranno scegliere un candidato sindaco con elezioni primarie.
Sulla scia del richiamo del Presidente della Repubblica, che nell’ultimo messaggio di fine anno ha invitato a coltivare la virtù del civismo, Legnano vivrà un importante momento di partecipazione, in cui tutti potranno esprimersi. Mai prima d’ora i legnanesi sono stati chiamati a poter scegliere un candidato alla carica di sindaco, alle elezioni amministrative della prossima primavera troveremo sulla scheda un nome scelto dai cittadini in modo libero e trasparente.
Franco Brumana e Antonio Guarnieri, condividendo un programma di governo, si sfideranno alle elezioni primarie civiche legnanesi del 26 gennaio 2020 per stabilire chi sarà il candidato sindaco di un grande raggruppamento civico. Una grande occasione per una svolta civica nella politica cittadina, per un civismo da non confondere con l’odio verso i partiti ma come occasione affinchè tutti possano maturare sensibilità per le esigenze della comunità di Legnano, con un profondo senso dei propri doveri da cittadino.
A queste elezioni primarie sostengo la candidatura di Franco Brumana, con il quale abbiamo condiviso in passato molte battaglie politiche e ambientaliste: penso a viale Cadorna, al Giudice di Pace, alla tutela del fiume Olona. La sua esperienza di amministratore comunale, nonché la sua profonda e appassionata conoscenza di Legnano, ne fanno un candidato sindaco ideale.
Ma chiunque vincerà fra Brumana e Guarnieri, i veri vincitori saremo noi legnanesi. Partecipiamo tutti alle primarie civiche del prossimo 26 gennaio, partecipiamo per costruire insieme il futuro della comunità di Legnano!

Hanno sempre ragione loro!

20150621_213500E’ quasi da 15 anni che sono consigliere comunale, ma mai come in questo periodo in comune ho visto tanta arroganza.
Quasi tutta la città chiede lo spostamento del Rugby sound, una manifestazione che sarebbe troppo impattante per l’ecosistema e la quiete pubblica se svolta nell’isola del Castello. Ho presentato un’interrogazione che sarà trattata nel consiglio comunale del prossimo 7 febbraio e ho chiesto agli uffici comunali la documentazione sulla manifestazione. Dopo 20 giorni nessuna risposta, ma ormai non mi stupisco più, ci sono altre mie richieste di documenti ferme da mesi e pare che poco interessi ai dirigenti comunali competenti.
Mentre consiglieri comunali e soprattutto cittadini chiedono di spostare il Rugby sound, l’amministrazione comunale, con tono che sa di sfida e sfoggio di muscoli, annuncia che è stato approvato lo schema di convenzione con gli organizzatori dell’evento. Insomma ci vengono a dire che il Rugby sound si fa, e proprio dove molti non vogliono: sull’isola del Castello! Per la serie: voi ci chiedete di spostarlo? E noi lo lasciamo lì!
Quella che sta governando Legnano non doveva essere una coalizione che “ama” la città e sa ascoltare? La tanto conclamata “città delle relazioni” proprio non la vediamo, abbiamo davanti a noi un comune che procede senza ascoltare, nega l’evidenza e vuole sempre avere ragione!
Sono certo che i legnanesi, che fra pochi mesi saranno chiamati alle urne per eleggere il sindaco e il consiglio comunale, sapranno scegliere persone capaci di rimettere in carreggiata un comune che è distante anni luce dalle esigenze dei cittadini, dove la politica è assente e lascia a briglia sciolta alcuni dirigenti che sono liberi di imperare come vogliono e senza ostacoli.
Le forze politiche che sostengono l’attuale sindaco vogliono il Rugby sound al Castello? Ce lo dicano con chiarezza, il sindaco a chi risponde? PD, Insieme per Legnano, Rilegnano e Italia dei Valori sappiano sin d’ora che anche se non prenderanno posizione saranno costretti a farlo con una mozione che dovranno votare in aula.
E poi parleremo del Rugby sound in una seduta aperta della Commissione Ambiente, in cui possano venire alla luce tutti gli aspetti ambientali della manifestazione.

#silenziosullisola

Facciamo chiarezza sul rugby sound

Viste le notizie circolate in questi giorni, vogliamo sapere se l’amministrazione comunale intende far svolgere il “Rugby sound” nell’area del Castello Visconteo. Non pare proprio la zona più idonea, per questo ho presentato un’interrogazione che sarà trattata nel prossimo consiglio comunale.

Untitled_12012017_135512

Un boomerang chiamato monetizzazione

20161227_152254Prendi un isolato tranquillo con un buon equilibrio di spazi. Uno di quelli, tanto per capirci, dove tutti arrivano e possono lasciare l’auto sotto casa senza dover andare a cercare un parcheggio.
Un bel giorno spunta una nuova palazzina, e di conseguenza in quell’isolato arrivano in media due vetture in più per appartamento. E iniziano i problemi: parcheggi che scarseggiano, strade che diventano difficilmente percorribili a causa delle molte auto in sosta ambo i lati.
Il PGT di Legnano detta le regole per il reperimento degli spazi pubblici. In particolare, in ambito residenziale si prescrive che venga creato un posto auto ogni 150 metri quadrati di superficie lorda di pavimento.
Ma non finisce qui: queste aree, quando la cessione “non sia ritenuta opportuna dal Comune”, possono essere monetizzate; ad esempio, invece che realizzare un parcheggio ogni 150 metri quadrati di SLP, si paga una somma al comune. E può anche accadere che a qualcuno venga imposto di realizzare i parcheggi mentre ai vicini venga consentito di monetizzarli.
Un procedimento legittimo quindi, ma che troppo spesso altera pesantemente la vivibilità di alcuni quartieri della città.
Nella fase di adozione della variante del PGT dello scorso mese di ottobre, come gruppo consiliare “Per Legnano” avevo chiesto che gli spazi a parcheggio venissero sempre reperiti in loco in caso di nuove edificazioni, ma la proposta fu bocciata da quelle stesse forze politiche che la avallarono 5 anni prima quando si trovavano all’opposizione.
Un’occasione persa per contribuire a mantenere la vivibilità di Legnano.

Alto Milanese chi?

cartina-altomilaneseQuanto conta l’Alto Milanese nella città metropolitana di Milano?
La domanda andrebbe forse girata al sindaco di Legnano e al presidente del Patto dell’Alto Milanese Sara Bettinelli (sindaco di Inveruno), dopo l’elezione del consiglio di rappresentanza della Conferenza dei Sindaci nella ATS della città metropolitana di Milano. Sono risultati eletti: il presidente Alberto Fulgione (sindaco di Liscate), la vicepresidente Sara Santagostino (sindaco di Settimo Milanese), Monica Chittò (sindaco di Sesto San Giovanni), Andrea Checchi (sindaco di San Donato Milanese), Luca Marini (sindaco di San Martino in Strada).
Ebbene, dopo le elezioni del consiglio metropolitano che vedono l’Alto Milanese rappresentato dai consiglieri di opposizione Guidi e Cucchi, il PD con i suoi numeri ha potuto disporre a suo piacimento dei cinque posti del consiglio di rappresentanza della Conferenza dei Sindaci nella ATS, ma non è stato capace di assegnare uno di questi cinque posti a un sindaco dell’Alto Milanese!
Tutto ciò è frutto di accordi o non c’è stata la forza di far eleggere un rappresentante del nostro territorio? I sindaci PD dell’Alto Milanese avrebbero potuto riunire i loro consigli comunali e presentarsi con un mandato forte per chiedere un rappresentante del territorio, ma a quanto pare non ci hanno pensato.
Magari a Legnano si poteva fare un passaggio nella commissione consiliare Alto Milanese e città metropolitana, ma quest’anno si è riunita ben due volte … che siano troppe?